L'epistemologia della NSA sul fantasma delle camere a gas


Michael Hoffman
Dal blog di Michael Hoffman:
L’EPISTEMOLOGIA DELLA NSA SUL FANTASMA DELLE CAMERE A GAS[1]
Eavesdropping on Hell: Historical Guide to Western Communications Intelligence and the Holocaust, 1939 – 1945 [Intercettare l’Inferno: guida storica al rapporto tra i servizi segreti occidentali e l’Olocausto, 1939-1945]
Center for Cryptologic History: National Security Agency [NSA], 2011

Dalla pagina 69:
“Forse l’elenco più pertinente, HW 16, è quello delle decrittazioni riguardanti la polizia tedesca. Questa collezione costituisce la serie più completa esistente delle decrittazioni della polizia … HW 16/10 contiene i rapporti mensili, da parte della Polizia Tedesca dei Campi di Concentramento, sul totale dei detenuti di un certo numero di campi. Questi totali includono arrivi, perdite, e varie nazionalità e gruppi, inclusi gli ebrei. Questi rapporti non fornivano informazioni su coloro che arrivavano sui treni e che venivano immediatamente uccisi nelle camere a gas” (Fine della citazione).
Notate qui l’epistemologia della Vera Fede Dogmatica (VFD). I rapporti supersegreti della Polizia tedesca dei campi di concentramento non riferiscono di uccisioni mediante gas, anche se sono supersegreti. In tal caso, la NSA avrebbe dovuto scrivere: in questi rapporti non c’è menzione di nessun detenuto gasato in camere a gas.
Invece, la NSA difende la VFD con una epistemologia contorta: le vittime delle camere a gas fantasma vengono menzionate dalla NSA come un fatto (“coloro che arrivavano sui treni e che venivano immediatamente uccisi nelle camere a gas”), anche se nei rapporti supersegreti della Polizia dei campi di concentramento controllati dalla NSA non vi sono prove dell’operatività delle camere a gas omicide, essendo questi rapporti “la serie più completa esistente delle decrittazioni della polizia”.
Invece di far notare che le decrittazioni della polizia tedesca non confermano l’accusa delle gasazioni, la VFD esige che il fantasma delle gasazioni venga citato come un fatto, nonostante le prove del contrario.
(Se arriveranno finanziamenti dai nostri lettori, diremo di più in futuro riguardo a questi rapporti declassificati della NSA da noi ottenuti).
FINE DEL TESTO DI MICHAEL HOFFMAN
NOTA BENE: il libro oggetto delle osservazioni critiche di Michael Hoffman è stato pubblicato in versione integrale sul sito della NSA: http://www.nsa.gov/about/_files/cryptologic_heritage/publications/wwii/eavesdropping.pdf
 
 
 


[1] Traduzione di Andrea Carancini. Il testo originale è disponibile all’indirizzo: http://revisionistreview.blogspot.it/2013/11/phantom-gas-chamber-epistemology-from.html