Ddl antirevisionista: la coscienza di Lucio Malan, il pianista più virtuoso di Palazzo Madama


Il senatore Lucio Malan
Letto ieri sul sito dell’Adnkronos:
Senato: aula inserisce nel calendario ddl su negazionismo
Roma, 23 gen. (Adnkronos) - L'aula del Senato ha inserito nel calendario dei lavori delle prossime sedute, il ddl 54 (Contrasto e repressione dei crimini di genocidio, crimini contro l'umanità e crimini di guerra, prima firma Silvana Amati - Pd), che prevede l'introduzione nel codice penale del reato di negazionismo. La discussione generale, ha spiegato in aula Lucio Malan di Forza Italia, era già iniziata. "Il testo è migliorabile -ha ammesso l'esponente di Fi- e credo che l'aula possa migliorarlo esaminando gli emendamenti che sono stati presentati. Sarebbe doveroso esaminare il ddl poichè, il 27 gennaio, si celebra la Giornata della Memoria e negare l'esistenza dell'Olocausto non può lasciare indifferenti le nostre coscienze".
 
La conferenza stampa di presentazione del DDL antirevisionista

http://www.adnkronos.com/IGN/News/Politica/Senato-aula-inserisce-nel-calendario-ddl-su-negazionismo_321145301695.html
Ci avrei scommesso che, in occasione dell’ennesima “Giornata della Memoria”, i più zelanti esponenti parlamentari della “lobby-che-non-esiste” ci avrebbero riprovato.
 
Malan con la prof. Di Cesare e la senatrice Amati (al centro)

Ma qualcuno, a questo punto, potrebbe chiedersi: chi è questo Lucio Malan? Già, chi è?
Ecco, tratti da Internet, alcuni aspetti di una personalità decisamente "poliedrica" ...

1.       Lucio Malan e le (sue) donne:
Tutte le donne (assunte) del sen.re Malan
«“ … come ha rivangato Dagospia, la seconda moglie siciliana del senatore Malan è stata assunta anni fa come “segretario particolare”: secondo il magazine di D’Agostino, la signora Malan ,”dopo le elezioni del 2006, è rimasta a spasso, quindi l’efficiente senatore l’ha contrattualizzata come sua segretaria. Visto che c’era, anche insieme alla sua nipote di primo grado, tale Ilenia T., anch’essa segretaria presso il suo ufficio al Senato insieme alla zia Maria T.. Attenzione però, solo per una ‘razionalizzazione delle risorse lavorative’, mica si vorrà pensare al nepotismo…”».
 
Ylenia e Lucio Malan

http://www.ilfattoquotidiano.it/2010/07/22/tutte-le-donne-assunte-del-sen-re-malan/43051/

2.       Lucio Malan avversario dei referendum contro la privatizzazione dell’acqua:
ACQUA: MALAN, BENE INIZIATIVA DI ‘ACQUALIBERATUTTI’
«“Lo squilibrio e la mistificazione a favore di chi vuole abolire questa ottima riforma dei servizi pubblici locali facendola passare per privatizzazione dell’acqua, e’ evidente e porta persino certi esponenti poco informati del centro destra a schierarsi per il Si’. Spero davvero che la Commissione di Vigilanza si faccia sentire presto”, conclude  Malan”».
 
I promotori dell'azione di contrasto ai referendum: Malan era dei loro

https://web.archive.org/web/20110410105057/http://noreferendumacqua.wordpress.com/2011/01/22/acqua-malan-bene-iniziativa-di-acqualiberatutti/

3.       Lucio Malan e i mormoni:
Il senatore valdese Lucio Malan e i Mormoni in Italia
«Lucio Malan ha avuto un ruolo fondamentale per la costruzione di questo tempio, in quanto il Presidente dei Mormoni Thomas S. Monson ha detto: ‘Ho sentito di dover chiamare il vicesindaco di Roma, Giuseppe Ciardi, e il senatore italiano Lucio Malan, ad essere tra i primi a vangare un mucchietto di terra. Ognuno di loro ha avuto un ruolo importante nella decisione che ci ha permesso di costruire un tempio nella loro città’ …  Peraltro il senatore Lucio Malan ha avuto un ruolo importante anche nell’approvazione dell’Intesa Stato-Mormoni avvenuta nel 2012».
 
Il senatore Malan alla cerimonia di inaugurazione del tempio mormone di Roma

http://giacintobutindaro.org/2013/01/22/il-senatore-valdese-lucio-malan-e-i-mormoni-in-italia/

4.       Lucio Malan pianista di Palazzo Madama:
L'antenato Malan
«Nell'ottobre 2002 "Striscia la Notizia" mandò in onda un video di denuncia dei pianisti che popolano ancora oggi i Palazzi. Il Corriere scriveva che: "Il più attivo è Lucio Malan (Forza Italia): si cimenta per quattro volte in un voto "triplo"". La Stampa qualche anno dopo, ricordava l'episodio così: "La leggenda del pianista a Montecitorio ha i suoi eroi alati, come il fromboliere forzista Lucio Malan, il quale mostrò ignaro alle telecamere una mostruosa abilità da gambler, riuscendo a votare per tre contemporaneamente. "Ne sono orgoglioso", disse. Ma, a parte il caso Malan, non si segnalano altri deputati tentacolari". Lo stesso Lucio Malan che l'altro ieri ha votato correttamente, in posa plastica, ma che è stato confuso con il suo antenato Lucio Malan, l'eroe alato, il deputato tentacolare. Un comprensibile "déjà vu"».
 
 
http://www.beppegrillo.it/2013/06/lantenato_malan.html

In particolare, sul funambolico virtuosismo del medesimo, si leggano ulteriori particolari dalle fonti predette.
Il “Corriere”:
 “… Il più attivo è Lucio Malan (Forza Italia): si cimenta per quattro volte in un voto «triplo»”.
“… MALAN ( FI ) «L' ho fatto e ne sono orgoglioso» «Sì, l' ho fatto e ne sono orgoglioso: perché mi sono reso conto che mi stavano riprendendo e ho deciso di fare la cosa in modo plateale». Sì, ma addirittura votare per tre senatori alla volta, è quasi un record. Lucio Malan, 42 anni, piemontese di Torre Pelice, è vicecapogruppo di Forza Italia al Senato. E non è pentito: «Ma è una piccola cortesia che ho fatto ad un paio di colleghi, una banalità». Una banalità? «Sì, come se uno raccogliesse la biro caduta al vicino di banco o timbrasse il biglietto sul tram per un altro che è lontano dall' obliteratrice». Ma non si può fare, davvero votare è come timbrare il biglietto? Forse il Senato è un votificio? «Quello di ieri non era il voto finale sulla Costituzione, invece di rincorrere tizio e caio che si sono distratti, uno fa prima a infilare la mano e schiacciare il pulsante. Non si può pretendere che i senatori stiano tutto il giorno lì fermi e attenti». Perché no? «Hanno anche altro da fare, scrivere leggi, smistare la posta, telefonare alla propria segreteria”.
La “Stampa”:
“La leggenda del pianista a Montecitorio ha i suoi eroi alati, come il fromboliere forzista Lucio Malan, il quale mostrò ignaro alle telecamere una mostruosa abilità da gambler, riuscendo a votare per tre contemporaneamente. Ne sono orgoglioso», disse. Ma, a parte il caso Malan, non si segnalano altri deputati tentacolari …”.

Ah, dimenticavo:

5.       Malan evangelico per Israele
9° Raduno degli Evangelici d’Italia per Israele (EDIPI)
«“Chiamati dalla parte di Israele come discepoli di Cristo”: questo il titolo dell’edizione 2010. Sono intervenuti numerosi relatori del mondo evangelico, autorità politiche e religiose del mondo ebraico. L’incontro si è concluso con una visita guidata alla Sinagoga e al Museo ebraico di Roma». 
 
 
http://www.luciomalan.it/evento/9-raduno-degli-evangelici-ditalia-per-israele-edipi/

È curioso a questo proposito osservare come l’evangelico Lucio Malan sia per Israele, ma non più per la sua chiesa di appartenenza (o, quantomeno, di provenienza), visto che la sua posizione sui predetti referendum  lo fece entrare in aperta collisione proprio con la chiesa valdese, che di quei referendum era stata addirittura promotrice:
LUCIO MALAN: “LA CHIESA VALDESE MI ESPELLA: SONO IL PRINCIPALE RESPONSABILE DELLE NORME SULL’ACQUA CHE VUOLE CANCELLARE”
«Malan è stato nel 2009 relatore al Senato della legge che ha introdotto le norme oggetto dei referendum abrogativo del quale la Chiesa Valdese, attraverso la Federazione delle Chiese Evangeliche in Italia, è non solo strenua sostenitrice, ma ufficialmente promotrice».
 
Lucio Malan interviene a un raduno dei protestanti italiani

http://www.valdesi.eu/lucio-malan-la-chiesa-valdese-mi-espella-sono-il-principale-responsabile-le-norme-sullacqua-che-vuole-cancellare/

Ma torniamo alla notizia iniziale. Del pezzo citato, mi ha colpito in modo particolare il seguente passaggio:
Lucio Malan: “ … negare l’esistenza dell’Olocausto non può lasciare indifferenti le nostre coscienze”.
Della serie: anche i virtuosi hanno un’anima …

 
Post scriptum sui mormoni
A qualcuno, le iniziative di Malan a sostegno dei mormoni potranno sembrare una mera curiosità: non è così. Anche queste si inquadrano in un programma ideologico che, per quanto aberrante, non difetta certo di coerenza. In realtà, anche se in Italia dei mormoni si continua a sapere pochissimo, è giusto fare attenzione perché si tratta di una setta decisamente interna alle strutture del potere americano.
Al riguardo, si veda l’articolo:
Il "Codice Romney", metti un mormone alla Casa Bianca
http://italian.ruvr.ru/2012_10_10/mormoni-Romney-USA/
In particolare, sul fondatore dei mormoni Joseph Smith si veda il post:
Joseph Smith: fondatore dei mormoni, "profeta" della religione americana, e cabalista
http://andreacarancini.blogspot.it/2012/03/joseph-smith-fondatore-dei-mormoni.html
E poi c’è la parentela ideologica con il sionismo. Sull’insospettabile rapporto tra Ze’ev Jabotinsky  e i mormoni – uno snodo inavvertito ma importante per capire l’affinità tra l’America profonda e Israele  – si veda il post:
Il viaggio di studio di Jabotinsky a Salt Lake City
http://andreacarancini.blogspot.it/2011/05/il-viaggio-di-studio-di-jabotinsky-salt.html

Il tempio mormone di Salt Lake City
 
“L’attività missionaria svolta dai mormoni tra le popolazioni dell’America e dei paesi stranieri si è estesa anche al governo federale, cosicché oggi l’FBI, la CIA, e altre organizzazioni simili possono dirsi molto, molto vicine al mormonismo”

(Harold Bloom, LA RELIGIONE AMERICANA – L’avvento della nazione post-cristiana, Garzanti 1992, p. 135).  
George W. Bush con il presidente dei mormoni Thomas S. Monson