Il Vescovo Richard Williamson: la versione "ufficiale" dell'11 settembre è una truffa

IL VESCOVO RICHARD WILLIAMSON: LA VERSIONE "UFFICIALE" DELL'11 SETTEMBRE E' UNA TRUFFA -- LE TORRI GEMELLE FURONO FATTE CROLLARE CON ESPLOSIVI

Trascrizione/traduzione[1]:

video

VESCOVO WILLIAMSON: “A comandarci oggi non è un partito apertamente brutale come gli stalinisti della Russia. Non è ancora uno stato di polizia che ci prevarica dicendo che due più due fa cinque. Ma lo stato di polizia, naturalmente, ognuno di voi lo sa, si sta certamente avvicinando, sia qui che negli Stati Uniti, questo è certo. Lo stato di polizia ha fatto un grande passo in avanti con l’11 settembre. Questo è sicuro.

Frammenti di esplosivo scoperti nei campioni di polvere del WTC
E spero che nessuno di voi creda che l’11 settembre sia quello che si vuole far credere. Fu, naturalmente, il fatto che le due torri sono venute giù. Ma non furono certamente due aerei che fecero crollare quelle due torri. Furono professionalmente demolite da cariche esplosive, dalla cima alle fondamenta delle torri. Se dubitate di ciò, guardate su internet “911Mysteries.com”.

Io menziono tutto ciò…potete scoprire che cito tutto ciò nell’omelia. Perché continuo a citare tutto ciò nelle omelie? Perché la verità è a rischio. Perché se le torri sono cadute a causa di due aerei, allora il Partito ha la situazione praticamente sotto controllo. Il partito governa le menti delle persone. Il partito può far passare ogni sorta di propaganda e di menzogne, nei suoi media. E se le persone ingoiano le menzogne, verranno asservite.

Nostro Signore dice che la verità vi renderà liberi. Il corollario è che le menzogne vi renderanno servi. Adesso, al mondo intero vengono raccontate menzogne…dai media, dal governo, dai politici, dalle università, dagli insegnanti – e la cosa peggiore di tutte, dalle più alte autorità della Chiesa.

Noi veniamo asserviti dalle menzogne. E la più sbalorditiva menzogna globale dei tempi recenti per asservire le menti di noi tutti – o per ingannare le menti, e quindi per asservirci facendo credere a tutti noi che lo stato di polizia è una cosa buona, e necessaria, ecco perché lo stato di polizia è avanzato a passi da gigante, come ha fatto – è l’11 settembre. E questo è un classico esempio di una menzogna che asservisce. Due più due fanno cinque. Quelle torri vennero fatte crollare da due aerei, e fu un aereo che colpì il Pentagono. Questo è totalmente impossibile…che un aereo colpisca il Pentagono. Un aereo commerciale ha un muso molto cedevole. Non hai un muso di titanio o di acciaio. Con quello un aereo non potrebbe volare. Se cerchi di decollare con quello, si schianterebbe subito dopo aver decollato dall’aeroporto, se avesse un muso così pesante. Il muso di un veivolo commerciale è molto cedevole. È solo una piccola copertura di alluminio…il radar di un aereo di solito sta sotto il muso. Il muso è molto cedevole.

Qualunque cosa abbia colpito il Pentagono è passato attraverso sei, ha perforato sei dei dieci muri in pietra dello spessore di 18 pollici tra l’esterno del Pentagono e il suo cortile interno. Vi sono cinque anelli di edifici, ognuno di essi con muro esterno e interno, e qualunque cosa abbia colpito il Pentagono è passata attraverso sei di quei dieci muri prima di fermarsi. Le prove fotografiche erano chiare come più non si potrebbe. I giornali, naturalmente, non hanno pubblicato quelle foto, ma esistono.

Allora, ad aver colpito il Pentagono può essere stato solo un missile teleguidato, e solo i missili teleguidati hanno un muso duro, di titanio e acciaio, con una carica esplosiva, di due cariche – una carica per penetrare il muro…e la seconda per esplodere dentro. E questo è esattamente ciò che le foto mostrano, con un incendio che si diffonde dappertutto dentro il muro esterno del Pentagono.

Così, è stato detto a tutti noi, e spero che nessuno di noi ancora ci creda, che è stata opera di tre aerei di linea pilotati da 19 musulmani, di cui sette, come potete certo sapere, sono notoriamente ancora vivi e in circolazione. Menzogne. Menzogne. Menzogne.

George Orwell
Ed ecco cosa c’è in ballo. Le menzogne o la verità. E oggi voi conoscerete alcuni non cattolici onesti, come George Orwell, uomini onesti e intelligenti. Alcuni uomini onesti che capiscono cosa c’è in ballo qui – anche prima, in un certo senso…in un certo senso anche prima che entri in gioco la religione, anche prima che sia tratti di Dio – vale a dire, la verità. Esiste la verità? C’è la verità? 



[1] Traduzione di Andrea Carancini. Il testo originale è disponibile all'indirizzo: http://endwhiteguilt.blogspot.com/2010_07_01_archive.html