domenica 11 gennaio 2009

Austin App e la cifra gonfiata


LA CIFRA GONFIATA DEI SEI MILIONI[1]

Di Austin J. App[2]

The Inquirer
Philadelphia, PA.
1 Luglio 1959

Gentile signore,

che secondo il vostro dispaccio UPI [United Press International] del 30 Giugno da Gerusalemme, il comitato degli affari esteri israeliano, crudelmente avversato dai partiti di sinistra, sia favorevole alla vendita di lanciabombe alla Germania Ovest, alleata dell’Occidente, è un buon presagio per un’eventuale riconciliazione tra i popoli tedesco ed ebreo.

Ma questa deve essere fondata non solo sulla benevolenza, o sulla giustizia, ma soprattutto sulla verità. Un ostacolo serio è l’accusa continua e totalmente indimostrata, ripetuta anche nel dispaccio UPI, “dello sterminio di sei milioni di ebrei nella Germania nazista”.

Queste statistiche non provate e grossolanamente gonfiate non solo offendono ogni tedesco che sia tale per nazionalità o per origine etnica, ma anche ogni cultore dell’esattezza storica. Certamente, per fare un esempio, quelli che lo desiderano hanno il diritto di continuare ad accusare gli israeliani di aver derubato 900.000 arabi poveri delle loro case in Palestina; ma nessuno ha il diritto di gonfiare questo numero fino a 5.400.000.

Le statistiche, ispirate dai rossi, dei sei milioni, totalmente indimostrate, portano beneficio solo ai rossi. Sono indegne degli ebrei onesti, e un insulto per un’epoca che si fa un vanto della propria precisione.

Il sottoscritto,
Austin J. App, PhD.
[1] Originariamente pubblicata in Morgenthau Era Letters: 119 Letters to Newspapers and NewsmakersMostly in the Decade from 1941 to 1950 [Lettere dell’era Morgenthau: 119 lettere a giornali e a fabbricanti di notizie – Per la maggior parte nel decennio dal 1941 al 1950], Boniface Press, 1966.
[2] Traduzione di Andrea Carancini. Il testo originale è disponibile all’indirizzo: http://www.codoh.com/viewpoints/vpaainflate.html

Nessun commento: